Senza categoria

Golden Globes 2015

E’ stata argentea e romantica la 72esima edizione dei Golden Globes, a dominare è stata infatti la tendenza di onde, chignon, long bob, e vestiti luccicanti sui toni, appunto, dell’argento.
Guardiamo insieme i look che hanno dominato il Red Carpet.
Prima fra tutte Jennifer Lopez, il cui look è stato bersaglio non solo di fotografi, ma anche di battute mirate, come quella fatta da  Jeremy Renner mentre i due si trovavano sul palco per presentare il vincitore del premio ‘Miglior attore di una miniserie’. Renner ha passato la busta alla cantante-attrice che ha detto “Io ho le unghie” (per aprirla) e lui: “Hai anche i globi”, scherzando sul decolleté della popstar. Il suo abito in stile “old Hollywood” dal design deco, firmato dallo stilista Zuhair Murad, ricordava una specie di caftano scollatissimo con una lunga mantella. Look interessante, ma non mi ha entusiasmato.
Onde sinuose anni 30, ombretto perlato, tanto rimmel e rossetto rosso, Heidi Klum ricordava in tutto e per tutto un’elegante diva hollywoodiana. Sensuale e bellissima come Jessica Rabbit, ha sfoggiato un look Versace.
Ecco l’argentea sfumatura di cui vi parlavo all’inizio, una delle star ad adottarla è stata Diane Kruger. Look sobrio e sofisticato, acconciatura un po’ anni 20 con onde morbide e schiacciate sulla testa.
I media parlano di un ringiovanimento di Jennifer Aniston, ma io non lo vedo proprio. Carino ma non meraviglioso il suo look. Abito Saint Laurent.
Decisamente NO il look di Kerry Washington, abito Mary Katrantzou che rende tozza la figura, acconciatura che fa sembrare la sua fronte una luccicante sfera che va stempiandosi, eppure le potenzialità di Kerry sono state messe ben in mostra dallo show ‘Scandal’. Perché dunque questa scelta?
Lanvin veste Emma Stone, per un risultato bello, fresco e giovane. Tornano l’argento, il bob e le onde, quasi fosse il tema segreto della serata. Con questo look l’attrice ci guadagna di brutto. Quando la classe non è acqua, potrebbe essere Stone.
Versace veste un’altra grande star del Carpet, Amy Adams. Abito sobrio e fatato, dal tenue azzurro che le fa risaltare gli occhi (proprio Big Eyes). 
Non per essere ripetitiva, ma Versace ha Vestito anche Kate Hudson. Abito molto bello, accarezza un fisico che può permetterselo e lo risalta pure. Ma l’acconciatura fa prendere il volo alle orecchie che stonano un po’ con la convinzione da sex symbol della Hudson.
Reese Witherspoon veste Calvin Klein.
Classica, forse troppo, l’acconciatura di Anna Kendrick, che veste una meravigliosa creazione di Monique Lhuillier.
Senza spessore alcuno è il look Gucci di Naomi Watts. Per la serie “Non è la firma che fa lo stile”.

Deliziosa Julianne Moore nel suo Givenchy Couture. 
Affascinante Rosamund Pike con l’acconciatura della stagione, non posso dire lo stesso dell’abito Vera Wang, adatto se vuoi perdere le tette per strada.
Un’emozionata Viola Davis sfoggia un Donna Karan Atelier. L’abito le addolcisce la figura e la rende bellissima.
Emily Blunt ricorda una dea greca sia per l’acconciatura intrecciata che per l’abito Micheal Kors.
Schilling e Ferragamo? Un connubio perfetto di raffinatezza.
Jessica Chastain mi ha lasciato a bocca aperta. In Atelier Versace mostra tutta la sensualità retrò da diva. 
Dall’ultima settimana della moda mi sono innamorata di Giambattista Valli, e quando ho visto una sua creazione sfoggiata con tanta leggiadria e classe da Lupita, mi sono emozionata. Senza dubbio, per me, questo è uno dei look più belli della serata.
Classico e anche un po’ dal sapore rock il look di Danielle Brooks. Abito di Carmen Marc Valvo.
Smagliante sorriso sfoggiato da Kate Beckinsale, più giovane che mai nel suo sfavillante e magico Elie Saab. Adoro tutto.
Bon ton, delicato e meraviglioso il Dior Couture indossato da Felicity Jones.
Chi vi ha emozionato di più col suo look? E chi vi ha inorridito?
In ultimo, ma non per importanza, ringrazio la mia amica Serena M. che ha contribuito tantissimo alla creazione di questo post.
-Fashion Express Yourself-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *