Abbigliamento,  Cinema,  Moda

I film anni Cinquanta che ogni ragazza dovrebbe guardare

Moda e Cinema sono sempre andati di pari passo, alle volte si sono tenuti persino per mano, plagiandosi ed influenzandosi a vicenda.

Oggi voglio parlarvi dei lontani e magici anni ’50 da me tanto amati. Tale periodo è imprescindibile quando si vuol parlare di eleganza e sensualità, sia maschile che femminile.

Ma cosa ha aiutato tale moda ad essere immortale? Le icone cinematografiche, per citare le più famose Marilyn Monroe, Grace Kelly e Audrey Hepburn.

Vediamo ora la lista dei 10 film che, secondo me, hanno influenzato non solo la moda, ma tutto il periodo.

  1. Funny Face, 1957.
    In Italia è stato tradotto con il titolo “Cenerentola a Parigi”, anche se con il personaggio di Cenerentola la protagonista di questo film ha ben poco a che fare.
    Siamo nel campo della moda, e la rivista “Quality” cerca un nuovo volto per dare aria nuova al giornale. Il set scelto per un servizio fotografico porterà bellissime modelle e un fotografo invadente in una piccola biblioteca, dove lavora la timida Jo (Audrey Hepburn). Quello che succederà lo lascio scoprire a voi.
    Perchè lo ritengo importante per la moda? Beh da qui si evince che la moda 50s non è solo gonne a tubino, fantasie floreali e rossetto rosso come l’idea generale immagina. Qui sono sfoggiati i look più diversi, che hanno davvero caratterizzato i giorni nostri; dolcevita nero e pantalone a vita alta, trench, cappellini, cappotti dai colori pastello, chignon tirato e sopracciglia definite.1
  2. To catch a thief, 1955.
    Questo è un capolavoro diretto da Alfred Hitchcock, con protagonista la bellissima Grace Kelly, definita da lui “ghiaccio bollente“, per la sua sensualità e al contempo aria rigida che aveva.
    Il film è basato su una serie di malintesi a volte ironici a volte no. Ma parlarvi della trama rovinerebbe tutto il divertimento, perciò mi limito a dirvi su di esso che è stata l’ultima collaborazione Hitchcock/Kelly, quest’ultima era all’apice della sua carriera ai tempi.
    Una scena del film in cui lei si trova in macchina per strada è stata girata nello stesso tratto dove 27 anni dopo morì.
    Qui vediamo camicette, abiti dediti a scolpire la figura femminile firmati Dior, onde fra i capelli e leggeri foulard.
    2
  3. Gentlemen prefer blondes, 1953.
    Che sia un luogo comune o meno “Gli uomini preferiscono le bionde” è un cult intramontabile.
    In questo film/musical spumeggiante, vediamo le due amiche (dentro e fuori dal set) Jane Russell e Marilyn Monroe, bellezze diverse tra loro, ma che incarnano forme e atteggiamenti propri dell’epoca, in un film ironico ma che è uno spaccato di quella magica e sfavillante società.
    Cosa ha dato alla moda: scollatura a cuore, rossetto rosso a go-go, pailettes, onde e vestiti sinuosi.
    3
  4. Sabrina, 1954.
    Devo innanzitutto ammettere che tra i film della Hepburn questo è il mio preferito.
    Perché? Non è la solita storia damore strappalacrime, o meglio, le lacrime scendono, ma no per il motivo che immaginate voi.
    La bella Sabrina è figlia di un’autista che lavora per un’importante famiglia, la sua vicinanza con la bella vita le crea frustrazione, il colpo di grazia le arriva quando il suo amore non viene corrisposto e questa sarà la scintilla che farà cominciare davvero il film.
    In questo film vediamo i pantaloni che noi oggi chiamiamo ‘Capri’, le ballerine, la salopette abbinata ad un dolcevita ed usata come abito. Uno stile easy chic e sofisticato.
    4
  5. All about Eve, 1950.
    Tradotto in Italia con il titolo spoiler di “Eva contro Eva“, vediamo una giovane Anne Baxter che interpreta Eva e una meravigliosa Bette Davis nei panni di Margo.
    Un film talmente geniale da trovarsi tutt’ora nella classifica dei 100 film statunitensi più belli, e talmente ben confezionato da aver avuto 14 nomination agli Oscar, per poi vincerne 6, ed è rimasto ineguagliato fino al 1997, anno di uscita di Titanic.
    Come avrete notato, non tutti i film che vi ho elencato hanno a che fare con la moda, questo è degno di nota sia per lo stile, le prime bluse col fiocco escono da qui, sia per il carisma femminile che ne viene fuori.
    Forse un lontano parente de “Il diavolo veste Prada“, dove la donna è potente, sicura di se e bellissima soprattutto grazie a ciò che indossa.
    5
  6. Rebel without a cause, 1955.
    Come vi ho già accennato, tale periodo lasciò il segno anche nella moda maschile con stringate, cappelli, cappotti lunghi, e nella moda giovanile fatta di jeans, t-shirt bianca, pelle e ochhiali da sole. Perciò prendendo James Dean come icona principale, guardate “Gioventù bruciata”, un piccolo cofanetto di must terribilmente presenti ed usati ancora oggi.
    6
  7. And God created Woman, 1956.
    “E Dio creò la donna” o anche “Piace a troppi” lanciò a livello internazionale Brigitte Bardot come attrice e come sex symbol. Juliette è un’innocente donna che creerà lo scompiglio nell’animo profondo di ogni uomo accanto a lei. Il capello finto spettinato che va ancora oggi sulle passerelle, i costumi a vita alta, il viso acqua e sapone con un filo di rimmel e tutta la sensualità di una donna che sa cosa vuole e sa come ottenerlo, danno un piccolo monito ad ogni donna che non riesca a distinguere l’essere trasandata dall’essere naturale.
    7
  8. High Society, 1956.
    Un film musical dove al fianco della bellissima Grace Kelly troviamo l’affascinante Frank Sinatra e il carismatico Bing Crosby.
    Le camicie si fanno vestiti, il trucco sempre delicato, le onde accompagnate ed attaccate alla nuca, la vita ben alta ed aderente. Non sono forse elementi contemporanei?
    8
  9. Designing Woman, 1957.
    La donna del destino” in Italia, questa è la storia di un giornalista sportivo interpretato da Gregory Peck e una costumista, disegnatrice interpretata da Lauren Bacall. Qui di moda ne vediamo davvero tanta, gli abiti sono sgargianti e colorati, mentre la protagonista ha un gusto impeccabile e femminile. Tubini, cappelli, completi, longuette e tacchi non altissimi, eleganza ‘Made in 50s‘.
    9
  10. Rear Window, 1954.
    La finestra sul cortile” di Alfred Hitchcock, con la sua Musa Grace Kelly. Una storia sul rapporto di coppia, un film travolgente ed una Kelly regale. Ampie gonne, gioielli semplici e brillanti, rossetto immancabile e filo di perle.
    10
    Quanti di questi film avete già visto? E ne conigliereste degli altri?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *