Concerti: Steps to survive.

L’estate addosso non è solo una filosofia di vita, ma è una realtà secondo la quale non importa cosa tu voglia fare, il caldo sarà più forte di te.
La cosa può diventare ancora più problematica se si ha intenzione di godersi uno dei numerosissimi concerti in Italia. Quindi, che siano i Red Hot Chilli Peppers a Milano, Marilyn Manson a Roma, o J-ax e Fedez a Taormina, i consigli su cosa fare e non fare per sopravvivere al concerto vi torneranno utili.

  1. Materie prime: s’intende acqua, tanta, facciamo anche tantissima se avete intenzione di fare ore ed ore di fila, ma il consiglio è quello di dare un sorsetto di tanto in tanto e usare la restante per bagnarvi capelli, collo, polsi. Nessuno vuole lasciare la postazione per andare a fare la pipì.
    Cibi secchi come panini, tarallini, frutta, qualcosa di dolce o bustine di zucchero, poichè il caldo potrebbe seriamente compromettervi. Per i più delicati una bustina di sali minerali a portata di mano.
  2. Se l’attesa è lunga, allora dimenticatevi i trucchi, l’effetto panda non va di moda. Portate con voi, piuttosto, salviette rinfrescanti, un ombrellino per ripararvi dal sole, uno ‘spruzzino‘ con cui andrete a rinfrescare soprattutto collo, polsi  e gambe, un ventaglio.
  3. Vestitevi comode. Optate per il tessuto jeans, è quello più resistente, se si sporca non si nota (a meno che non vi facciate colare un cono gelato addosso!), e non appiccica alla pelle col sudore.
  4. Mollate lo smartphone nella tasca, conservando la carica per immortalare il concerto, ed impiegate il tempo leggendo, chiacchierando, giocando, facendo amicizia, è un’esperienza unica, ma non potrete goderne col viso schiacciato sullo schermo.
  5. Non sottovalutate l’importanza di avere a portata di mano una medicina per il mal di testa o un maglioncino per lo sbalzo di temperatura.

    E voi? Avete altre dritte utili per questo kit virtuale di sopravvivenza?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *